Arte e Teconologia. A Palermo

Arte e Teconologia. A Palermo

Tra gli eventi di Manifesta 12 c’è pure questa micro esposizione. Micro perché si tratta in tutto di dieci stampe fotografiche in formato ridotto, strette l’una vicino all’altra al centro di una parete non allestita, più una gigantografia su lastra di vetro sulla parete a fianco.

Se l’esposizione è micro, il tema trattato invece è macro: la ricerca contemporanea nel settore delle tecniche di riconoscimento facciale.

L’autore è Trevor Paglen (1974), nativo del Maryland con  il pallino dei sistemi di sorveglianza digitale e di tutto quello che ha a che fare con le tecnologie di origine militare: droni di guerra, satelliti, stazioni di intercettazione, basi militari, prigioni della Cia.

Ma come funziona esattamente questa tecnologia? Il riconoscimento facciale consente di identificare un individuo specifico all’interno di un gruppo di persone, attraverso un algoritmo che analizza un alto numero di immagini di quella persona, ne produce una media visiva e la concretizza nel “modello di faccia” dell’individuo indagato. Da questo momento il modello acquisito diviene lo strumento per analizzare, confrontare e reperire qualsiasi altra immagine del viso di quell’individuo.
Paglen a Palermo espone undici ritratti che sono in realtà astrazioni matematiche, agglomerati di numeri che l’occhio umano legge invece come riproduzioni di volti reali.

Questo testo è il sunto dell’articolo del direttore di Sudstyle apparso in Artribune il 25.09.2018

Trevor Paglen e la tecnologia del riconoscimento facciale. A Manifesta 12

 

Aldo Premoli

Aldo Premoli

Nato a Milano, vive tra Catania, Cernobbio e gli Usa, dove lavorano i suoi figli. A partire dal 1989 ha diretto periodici specializzati del settore abbigliamento come “L’Uomo Vogue”. o in quello dell’arte conpemporanea come “Tar magazine”. Blogger di Huffington Post Italia e Artribune è co-fondatore dell’Associazione Mediterraneo Sicilia Europa e del Centro Studi sulle migrazioni che porta lo stesso nome.

Direttore responsabile Aldo Premoli – Direttore editoriale Pierluigi Di Rosa - Edito da: Editori Indipendenti S.r.l. via Firenze, 20 – 95128 Catania