I ritratti collettivi di Fabrizio Villa. A Catania

I ritratti collettivi di Fabrizio Villa. A Catania

Sono in tutto cinque i lavori in mostra.

Tra questi Chef all’Opera, selezionata dal «New York Times» tra le foto più rappresentative del 2019, che viene qui presentata al pubblico per la prima volta.

 Villa è specializzato nella fotografia aerea. Da oltre trent’anni anni intreccia con il suo lavoro testimonianze di eventi legati al disagio sociale, immigrazione, guerra con storie d’attualità, fenomeni naturali, ritratti di protagonisti del nostro tempo. Con i suoi scatti ha documentato la morte e la distruzione della Bosnia, l’Intifada in  Cisgiordania, i disastrosi terremoti della Turchia, le eruzioni dell’Etna, il lavoro degli ultimi carbonai calabresi, la dignità ferita dei nuovi poveri, la difficile condizione dei detenuti di religione islamica negli istituti di pena italiani ma anche la quotidianità di chi ha scelto di vivere nell’isolamento e nel silenzio seguendo una vocazione spirituale nei conventi di clausura.

Tutte le  immagini di questa mostra possono essere considerate come “ritratti collettivi”, “paesaggi umani” in cui il fotografo invita l’osservatore a cercare nella moltitudine di colori e dettagli, i volti e le forme individuali.

Contano l’elemento architettonico o quello naturale, conta il cromatismo esaltato da composizioni di grande impatto, ma per l’autore conta soprattutto l’elemento umano: corpi rimpiccioliti dalla prospettiva, ombre a volte quasi invisibili, così simili, eppure distinte. Sotto un ombrellone, durante una delle feste più importanti d’Italia, in una performance artistica, dentro un teatro o durante una missione di salvataggio in alto mare.

Sono concentrate nel suo scatto la speranza e la disperazione dei migranti colti in un momento di riposo taumaturgico, dopo il salvataggio in mare. Occhi chiusi, membra sparse e aggrovigliate alla ricerca di un contatto salvifico, in questo caso che si contrappongono poco più in là ai corpi anonimi delle spiagge assolate e bolle modaiole dei vacanzieri

 

Fabrizio Villa | People. A cura di Aurelia Nicolosi e Marilina Giaquinta. KōArt – Unconventional Place, via San Michele, 28 – Catania. 01 – 27 febbraio 2020. opening 01 febbraio 2020, ore 19.00. www.galleriakoart.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Direttore responsabile Aldo Premoli – Direttore editoriale Pierluigi Di Rosa - Edito da: Editori Indipendenti S.r.l. via Firenze, 20 – 95128 Catania