Boiling Project. A Taormina, Aci Castello e Catania

Boiling Project. A Taormina, Aci Castello e Catania

 Tutti a parlare di destagionalizzazione attraverso l’offerta di cultura capace di trascinatre un turismo che non sia più solo di qualche mese.In prima linea  politici di ogni colore: da Nord a Sud.

Poi però ci sono gli imprenditori che non chiaccherano ma agioscono: e c’è davvero chi ci prova seriamente.“Sono convinta che il linguaggio dell’arte contemporanea, in questo 2020 quello specifico della fotografia, sia tra i più adatti per progetti condivisi di creazione culturale come calamita per il turismo” spiega la Presidente della Fondazione Oelle-Mediterraneo Antico, Ornella Laneri. ” Particolarmente utile poi  per estendere la tradizionale stagione turistica. Per questo motivo abbiamo deciso di inaugurare la mostra in bassa stagione, come progetto apripista per cominciare a intercettare nuovi flussi turistici a cui riservare un’esperienza culturale esclusiva”

A questo scopo la  Fondazione si sta meritevolmente prodotta in una complessa serie di inizative. Lo scorso anno in collaborazione con Patrizia SandrettomRe Rebaudegno a Guarene (Cuneo) e nel 2020 – a partire proprio da domani – con un ia serie di impegni che proseguiranno sino al 2 luglio prossimo con un evento coprodotto con Fondazione Broadbeck.

Si inizia dunque il 21 febbraio presso l’Università degli Studi  di Catania con  l’incontro dal titolo “Professioni dell’Arte e strategie delle Fondazioni culturali” relatrice Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, una delle protagoniste del mondo dell’arte contemporanea internazionale, inserita da ArtReview nella classifica dei 100 personaggi più influenti dell’arte contemporanea globale.

Sempre il 21, nel pomeriggio, riflettori  puntati su Taormina, con un ritratto dell’Italia del terzo millennio, dei suoi luoghi, attraverso una mostra di fotografie, film, installazioni, documentazioni di performance, racconti per immagini dal titolo “GE/19 Boiling Projects da Guarene all’Etna”, ovvero dal Piemonte alla Sicilia, un viaggio nella fotografia contemporanea italiana tra ricerca e sperimentazione”.

La mostra è organizzata dalla Fondazione OELLE in collaborazione con la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Presenti le opere di 25 fotografi d’arte: tanto maestri riconosciuti come Carmelo Nicosia di cui riportiamo alcune immagini nella nostra Gallery e talenti emergenti come Francesco Di Giovanni di cui avevamo già raccontato qui

E ancora sabato 22 ad Aci Castello presso il Four Point Season il Forum sullo stato dell’arte della ricerca fotografica in Italia. Intervengono Ornella Laneri, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Carmelo Nicosia e il curatore Filippo Maggia. Modera Cesare Biasini Selvaggi

Venerdì 21 febbraio h.11.00. Università degli Studi di Catania (sala Il Coro di Notte, Monastero dei Benedettini) con Patrizia Sandretto Re Rebaudengo

Venerdì 21 febbraio h. 17.00 Ex chiesa del Carmine / Palazzo Duchi di Santo Stefano, Taormina
Inaugurazione della mostra GE/19 Boiling Projects da Guarene all’Etna a cura di Filippo Moggia.

Sabato 22 febbraio h. 10.30. Sala Pegaso, Four Points by Sheraton Catania Hotel, Aci Castello. Forum sullo stato dell’arte della ricerca fotografica in Italia.

 

 

Aldo Premoli

Aldo Premoli

Nato a Milano, vive tra Noto, Cernobbio e gli Usa, dove lavorano i suoi figli. A partire dal 1989 ha diretto periodici specializzati del settore abbigliamento come “L’Uomo Vogue”. Nel 2013 e 2014 dirige “Tar magazine”, rivista di arte scienza ed etica. Blogger di Huffington Post e Artribune è co-fondatore dell’Associazione Mediterraneo Sicilia Europa

Direttore responsabile Aldo Premoli – Direttore editoriale Pierluigi Di Rosa - Edito da: Editori Indipendenti S.r.l. via Firenze, 20 – 95128 Catania