La ferocia del male. Nel Giorno della memoria a Palermo

Quattro appuntamenti, dedicati al ricordo doloroso della Shoah: musica, cinema documentario, film d’animazione, incontri, riflessioni e anticipazioni. Sono gli eventi che compongono Sognavamo nelle notti feroci da questa sera sino al 30 gennaio.

Il titolo della manifestazione riprende il primo verso della poesia di Primo Levi “La tregua”, scritta l’11 gennaio del 1946 che potete ascoltare nel filmato qui proposto.

Ecco il programma.

27 gennaio. Ore 17.00 Proiezione del film di Péter Forgács “THE MAELSTROM: A FAMILY CHRONICLE”. Il regista qui utilizza un corposo archivio di immagini girate in Olanda, prima e durante la Seconda guerra mondiale, relative alla famiglia Peereboom. Tra i vari frammenti, anche quelli relativi alla deportazione: apprestandosi, con tragica inconsapevolezza, a un presunto viaggio verso il “campo di lavoro”, i Peereboom saranno spediti in realtà verso l’orrore di Auschwitz.
ore 18.30 Shalom Nigun Ensemble in concerto con Memoria della Shoah. Olocausto Mediterraneo
“C’è qualcosa in comune tra la Shoah messa in atto dai nazifascisti e la strage di vite umane che nei nostri giorni sta insanguinando il Mediterraneo e le piste lungo le quali profughi di tanti popoli tentano di fuggire dalle guerre, dalle persecuzioni e dalla fame. Questo qualcosa è l’indifferenza”. È quanto prova a raccontare lo Shalom Nigun Ensemble, attraverso l’esecuzione di canti ebraici e antiche armonie mediterranee. .

28.gennaio. Ore 17 Proiezione del documentario “LA STRADA DI LEVI”, prodotto e diretto da Davide Ferrario, sceneggiatura di Davide Ferrario e Marco Belpoliti
Il 27 gennaio 1945 Primo Levi veniva liberato dal campo di concentramento di Auschwitz: ci vollero dieci mesi e migliaia di chilometri per raggiungere Torino e tornare a casa, attraversando la Polonia, l’Ucraina, la Bielorussia, la Moldavia, la Romania, l’Ungheria, la Slovacchia, l’Austria e la Germania: un’esperienza difficile, raccontata poi nel libro “La Tregua”. Sessant’ anni dopo il regista Ferrario e lo scrittore Belpoliti ripercorrono le tracce di quel viaggio nell’odierna Europa post-comunista. Una ricostruzione dei ricordi di Levi ma anche delle condizioni dei moderni cittadini europei, visitando i resti dell’impero sovietico, Chernobyl, raduni neo-nazisti, villaggi di poveri emigranti.
L’omonimo libro – una conversazione tra i due autori e lo scrittore Andrea Cortellessa, a proposito del film – uscì insieme al DVD per Marsilio, nel 2007, poi ristampato da Chiarelettere nel 2010.

29 gennaio. Giornata dedicata al cartone animato “LA STELLA DI ANDRA E TATI”, regia di Rosalba Vitellaro e Alessandra Viola, disegni di Annalisa Corsi. È il primo cartoon che racconta la Shoah vista con gli occhi di due bambine di 4 e 6 anni: è la storia vera delle sorelle Alessandra e Tatiana Bucci, ebree italiane di Fiume, deportate ad Auschwitz il 29 marzo del 1944, insieme alla madre, alla nonna, alla zia e al cuginetto. L’opera, accolta con entusiasmo dalla critica e dal pubblico, è stata premiata con il Rockie Award al prestigioso Banff World Media Festival (Canada), come miglior film di animazione per ragazzi. L’omonimo libro, firmato dalle due autrici, è stato pubblicato da De Agostini nel 2019.

30 gennaio. In apertura un intervento di musica tradizionale ebraica, con antichi canti del popolo Yiddish eseguiti dallo Yankele Ensemble: Luisa Hoffmann (voce), Dario Compagna (clarinetto), Pierpaolo Petta (fisarmonica).
A seguire Salvo Cuccia presenta “PER UNA STORIA DEGLI EBREI NEL NOVECENTO IN SICILIA” – frammenti inediti di preparazione di un documentario prodotto dal CRICD.
Segue un incontro con Agata Bazzi e Alessandro Hoffmann, autori di due libri che ricordano, rispettivamente, le vicende delle famiglie ebree palermitane Ahrens e Hoffmann: “La luce è là” (Mondadori, 2019) e “Storia di una famiglia di origine ebrea a Palermo” (Carlo Saladino Editore, 2019).

Sognavamo nelle notti feroci. A cura di Selima Giorgia Giuliano e Helga Marsala  27-30 gennaio 2020 Villino Florio – Viale Regina Margherita 38, Palermo

Direttore responsabile Aldo Premoli – Direttore editoriale Pierluigi Di Rosa - Edito da: Editori Indipendenti S.r.l. via Firenze, 20 – 95128 Catania