Il Tudisco più bello? A Catania è street style

Il Tudisco più bello?  A Catania è street style

Ha fatto bene il Comune di Catania a organizzare una mostra tutta catanese su uno scultore catanese discepolo di un ancora più grande scultore catanese.

All’ interno del Palazzo della cultura sono racoolte 42 opere. Un bassorilievo verrà inoltre donato dalla famiglia con cermonia d’ordinanza dalla famiglia dell’artista il prossimo 14 marzo all’Amministrazione comunale

Ma come spesso succede la più bella tra le opere di Tudisco non sta qui ma allo scoperto. I catanesi hanno de l’ahho sotto gli occhi tutti i giorni e – come sempre accade – nessuno, tranne forse il turisti con guida al seguito la nota più

Domenico Tudisco in una foto degli anni 50

Si tratta di quattro candelabri in bronzo che raccontano le leggende catanesi della giovine Gammazita, dei fratelli pii Anapia e Anfinomo, del paladino Uzeta e del sub Cola Pesce.

Li realizzarono nel 1957 Mimì Maria Lazzaro e un suo suo allievo, appunto lo scultore Domenico Tudisco.  I 4 candelabri hanno da sempre fatto da cornice ai maestosi palazzi del Comunedell’Università degli Studi e del Palazzo San Giuliano, posti ai loro lati.

Palazzo della Cultura – ex Caffè Letterario Via Vittorio Emanuele II 121, Catania
Orari di apertura: da lunedì a domenica ore 9.00 -19.00.

I candelabri in Piazza dell’Università

Direttore responsabile Aldo Premoli – Direttore editoriale Pierluigi Di Rosa - Edito da: Editori Indipendenti S.r.l. via Firenze, 20 – 95128 Catania